I bracci robotici che installano il cartongesso con il plauso del sindacato

Più veloci di un umano nell’installazione di muri di cartongesso. Sono i bracci robotici della società americana Canvas, che però non intendono sostituire gli operai specializzati, bensì solo supportarli per ridurre gli sforzi fisici.

Le nuove soluzioni sono già all’opera, ma per il momento solo nella Baia di San Francisco dove vengono utilizzati per l’installazione di cartongesso in grandi cantieri commerciali di dimensioni superiori ai 3.000 metri quadrati. Il passo successivo sarà quello di dare alle macchine robotiche di Canvas la capacità della verniciatura.

Fondata nel 2017, Canvas ha dichiarato di aver ricevuto – per la realizzazione del nuovo prodotto – finanziamenti per 19 milioni di dollari. L’obiettivo dichiarato della società è quello di integrare la robotica nei processi di costruzione edilizia.

Una curiosità: i bracci robotici sono guidati da lavoratori addestrati che fanno parte dell’associazione sindacale statunitense International Union of Painters and Allied Trades. E proprio il sindacato ha espresso il suo gradimento per l’opportunità offerta da Canvas, dal momento che la stessa rappresenta una concreta opportunità professionale per i propri iscritti, rendendo inoltre l’attività stessa più sicura e riducendo gli sforzi fisici.