Comex, guanto per manovrare droni e robot nello spazio

L’ESA, l’agenzia spaziale europea, ha diffuso le immagini di un nuovo guanto progettato per pilotare i droni direttamente, senza quindi utilizzare nessun altro dispositivo.

La francese Comex si è occupata di realizzare il guanto in ogni dettaglio per il progetto dell’ESA battezzato con il nome di “Pextex Project”. Per ben due anni ricercatori esperti in vari campi, dai materiali ai sistemi elettronici integrati, si sono occupati di identificare materiali che potrebbero essere utilizzati per progetti come questo, essenziali nell’eventualità di attività da svolgere sulla Luna o su Marte.

Il guanto è in grado di per manovrare i droni molto particolari e complessi, che vengono usati nelle missioni spaziali su Marte. Ma anche i “lunar rover“, i grandi robot usati generalmente nelle missioni lunari, potrebbero essere governati attraverso il guanto.

Per ciò che concerne il funzionamento, ci sono dei comandi da manovrare fisicamente, ma anche dei gesti che, se fatti col guanto, danno la possibilità di controllare i movimenti del robot. Ma il guanto ha anche una “luce laser integrata” che può misurare le distanze, o la dimensione e la direzione degli oggetti.

Nell’immagine rilasciata dall’ESA si nota anche un piccolo display, utile agli astronauti per essere costantemente a conoscenza di quanto ossigeno hanno ancora nelle loro bombole. Al momento, invece, la funzione dell’ossigeno si vede da un piccolo sistema che ogni astronauta ha sul petto, e che può vedere grazie a un piccolo specchio legato al polso.