MotoGP per droni a 180 km

E' la potenziale MotoGP dei droni da corsa. Investimenti milionari per Drone Racing League, la prima associazione per gare tra APR in scenari suggestivi

Drone Racing League è la prima associazione per gare tra droni. Il nuovo ente ha già programmato sei gare in stadi e varie location abbandonate o d’effetto, progettando circuiti tecnologici che prevedono il passaggio degli UAV attraverso check point e spazi limitati. Una progettazione che ha richiesto investimenti per milioni di dollari.

La prima competizione è programmata per il 22 febbraio presso il Sun Life Stadium di Miami. Ecco il video che presenta il progetto, distribuito dalla neo lega

Nel video si apprezza il volo lungo un circuito della Drone Racing League. I droni in competizione sono configurati ad hoc, incluso il sistema di controllo da remoto. I piloti indossano un visore che permette di affrontare la gara dal punto di vista del veicolo.

Non solo gare di velocità, ad ogni buon conto, perché oltre al tempo impiegato per completare i percorsi conteranno i punteggi per i check point centrati. Il tutto provando a evitare gli scontri, come esercizio per aumentare lo spettacolo!

Come in un classico torneo a gare, i piloti si affronteranno nelle varie location accumulando punti in base alle prestazioni: i migliori, in conclusione, potranno battersi per il titolo di campione mondiale di corse per droni.

Gli iscritti, che certo non hanno lesinato sull’acquisto di droni sufficientemente potenti (fatto salvo le successive configurazioni ad hoc), si stanno esercitando sul programma ufficiale della competizione già disponibile in beta per Mac e PC.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here