Torino laboratorio per le auto a guida autonoma

Il capoluogo piemontese, prima città italiana, si candida a ospitare nelle sue strade, anche in centro, i test sulle self driving car di Fca e General Motors. Potendo contare su una rete viaria già in parte intelligente

Torino non vuole rinunciare al suo status di capitale dell’automotive. E se il futuro della sua storica industria appare incerto, per quanto riguarda il mantenimento della produzione, la città guarda al futuro e si candida a diventare laboratorio italiano per la sperimentazione delle auto a guida autonoma.

Il progetto è fortemente voluto dalla sindaca Chiara Appedino, e pienamente condiviso dalla sua giunta che ha approvato il protocollo che punta a fare del capoluogo piemontese «la città laboratorio per la guida autonoma e connessa in ambito urbano». Un progetto che può aprire alla città nuove prospettive di sviluppo industriale e di innovazione, attirando investimenti in ricerca da parte delle case automobilistiche di tutto il mondo.

Passaggio indispensabile affinché tali speranze si traducano in realtà è che il protocollo venga siglato dai rappresentanti di Fca, General Motors e Italdesign, Tim, Open Fiber e Politecnico di Torino, le aziende coinvolte nella sperimentazione. A quel punto i costruttori potranno dichiarare al ministero dei Trasporti di voler scegliere la città piemontese come città laboratorio, dove avviare la sperimentazione in Italia dei loro nuovi veicoli a guida autonoma.

Perché Torino

A spiegare il perché le case costruttrici dovrebbero scegliere proprio Torino per le loro campagne di test, il fatto che la città è finora la prima e l’unica nel nostro paese ad aver dato la disponibilità a provare le auto self driving sulle sue strade. Disponibilità che non riguarda solo circuiti protetti e chiusi al traffico o strade poco trafficate di periferia, ma anche quelle del centro. Inoltre, le sperimentazioni potranno riguardare sia i veicoli con pilota automatico di livello 4, ovvero che non necessitano che il passeggero-autista intervenga sui comandi, eccetto in caso di emergenza, sia quelli di livello 5, ovvero del tutto privi di pilota.

Il decreto Smart road

A rendere possibile i test dei veicoli a guida autonoma sulle strade italiane è stato il decreto Smart road, approvato all’inizio di questo mese dal ministero dei Trasporti. Obiettivo del provvedimento è avviare il miglioramento della rete stradale nazionale puntando sulla sua graduale trasformazione digitale, in modo da rendere l’infrastruttura in grado di dialogare con i veicoli connessi di nuova generazione e permettere anche l’utilizzo sistemi di assistenza automatica alla guida, e di migliorare e snellire il traffico e ridurre il numero degli incidenti.

Torino guida autonoma
Cruise AV, l’auto a guida autonoma di General Motors

Per le sperimentazioni il provvedimento prevede il rispetto di alcuni parametri, sono 12 in totale, tra i quali la presenza di infrastrutture come la fibra ottica e altri sistemi di rilevamento del traffico, per consentire a una strada di essere “intelligente”. Punto questo, in particolare, che vede Torino all’avanguardia. Una parte della rete stradale cittadina, infatti, è servita dalle infrastrutture di 5T, la società comunale di gestione del traffico. Tale rete stradale è pertanto dotata di sensori in corrispondenza dei semafori, di spire sotto l’asfalto che assicurano il rilevamento dei passaggi delle vetture, e quindi di avere un quadro in tempo reale del traffico, telecamere intelligenti agli incroci. Le connessioni tra tutte queste tecnologie e i dati da queste rilevate diventano così uno strumento fondamentale per fare della città un laboratorio, consentendo la possibilità di effettuare test in tutta sicurezza, evitando problemi e, soprattutto, incidenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here