Star Wars lancia nei negozi il droide della Sphero

Il marketing per il lancio di "Star Wars: Episode VII – The Force Awakens" e una maggiore accessibilità alla App di riferimento lanciano Sphero BB-8

Il recente black friday nei paesi anglossassoni, con le grandi occasioni scontate anche per gli appassionati di giochi e tecnologia, ha dato un responso netto per quanto concerne il lato ludico: il mini androide Sphero BB-8 si è aggiudicato la palma di acquisto più gettonato tra gli articoli per bambini (al costo di 149 dollari).

Potenza del marketing, visto che il conto alla rovescia per la distribuzione al cinema di Star Wars: Episode VII – The Force Awakens era già partito quando a settembre la Sphero, società specializzata nella realizzazione di droni giocattolo, aveva lanciato sul mercato il robot (disponibile in Italia al prezzo di 169,90 euro). Count down che ormai volge al termine, come gli appassionati di cinema sanno bene. Del resto pure i primi trailer del film, ormai visibili anche sui canali tradizionali, ci mostrano il piccolo droide replicato dalla Sphero tra i nuovi protagonisti!

Per altro è di questi giorni anche la notizia di una maggiore accessibilità, rispetto all’intasamento delle prenotazioni estive, all’App ufficiale per il toy bot: BB-8™ App Enabled Droid Powered by Sphero, che consente di accedere a tutte le funzionalità del mini droide.

Ecco il nuovo video distribuito da Sphero che descrive nel dettaglio il funzionamento della App, che si può acquistare  attraverso Amazon e i play store più comuni (come Google)

Sphero BB8 è composto da una sfera a cui è stata collegata la testa attraverso un sistema magnetico.

Grazie alla App, e al pilotaggio da remoto, è possibile controllare i movimenti dell’intero apparato robotico. L’applicazione è disponibile per gli smartphone e i tablet con sistema operativo IOS o Android.

In generale, il robot può adattare i suoi comportamenti in base alle interazioni che vive con il suo interlocutore-utente; più altre feature che sono in grado di appassionare i bambini: la capacità di riprodurre un ologramma all’interno dello schermo dello smartphone; quella di inviare messaggi (!) a simili Sphero BB8 “ospitati” in altre famiglie; e quella di dare vita a dei “botta e risposta” vocali con i suoi nuovi amici umani.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO