Nuovo museo italiano ospita InMoov, il robot che nasce dalla stampa 3D

Il nuovo museo nel Cilento ospita un prototipo del robot open source, capace di vedere e di percepire suoni e rumori

E’ nel segno dello sviluppo del territorio e della riqualificazione ambientale la notizia dell’inaugurazione del Museo dell’Uomo e della Natura (MUN). Nell’area del Cilento (Campania), nei pressi del comune di Tortorella.

Il MUN presenta anche un centro didattico multimediale che al suo interno ospiterà un modello del robot InMoov. Si tratta di  un prototipo sviluppato nel 2012 dallo scultore francese Gael Langevin per fini artistici. La sua peculiarità è che tutti i progetti sono pubblicati sotto licenza Creative Commons, oltre a essere riproducibile con una stampante 3D! InMoov è in grado di muoversi, vedere e percepire suoni e rumori, riconoscendo i comandi vocali che gli vengono impartiti.

InMoov

Il robot è in grado di individuare l’ambiente circostante tramite microcamere. Con la denominazione ne sono stati sviluppati diversi modelli, rientrando di fatto nell’ambito della filosofia open source. Quella del MUN è dunque un’ottima iniziativa in termini di visibilità e diffusione per l‘innovazione robotica.

In questi anni i developers hanno dunque modificato InMoov  con lo scopo di estendere le sue funzioni per svariati tipi di sviluppo. I più significativi sono i programmi di Intelligenza Artificiale, dato che il robot integra in un’unica piattaforma delle microcamere, dei sensori e un sistema di movimento funzionante, oltre alla possibilità di connettersi ad un qualsiasi computer.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here