La stampa 3d diventa interattiva

La Cornell University sta mettendo a punto una stampante 3d che permette di apportare modifiche al progetto originale in Cad mentre è in corso il processo di stampa

La tecnica di stampa 3d ha offerto uno fondamentale strumento per ingegneri e progettisti, consentendo di realizzare prototipi in tempi molto rapidi e a costi decisamente bassi. Anche questi sistemi, però, hanno un loro limite: che cosa accade, se durante la stampa ci si rende conto che il progetto presenta un errore, o si desidera introdurre delle modifiche? Aspettare che il processo di stampa si concluda, inserire le modifiche e cominciare daccapo. E questo tutte le volte che si va a cambiare qualcosa. Un problema che promette di superare la stampante interattiva che si sta mettendo a punto nei laboratori della Cornell University, a Ithaca, negli Stati Uniti, che permette di apportare modifiche al progetto mentre è in corso il processo di stampa.

La nuova stampante è infatti capace di lavorare sul file Cad mentre questo viene creato, consentendo al progettista di interrompere il processo di stampa per effettuare misurazioni, test, introdurre modifiche o andando in pausa da sola quando arriva al punto che si sta cambiando.

La tecnologia WirePrinting

Alla base di questa rivoluzione vi è una nuova tecnica di stampa, chiamata WirePrint, sviluppata in collaborazione con Guimbretière’s lab e Hasso Plattner Institute di Potsdam, in Germania.

stampa 3d_Stampante interattiva

Questo sistema, a differenza della stampa 3d convenzionale, non produce un modello solido intero dell’oggetto, ma ne traccia la struttura con dei fili, consentendo così al progettista di verificare i parametri in tempo reale, mentre la stampa è in corso, e di apportare modifiche anche in un momento successivo. Ciò grazie alla presenza di un cutter, che permette di rimuovere la parte da eliminare, e a un piano di lavoro magnetico, che consente di riposizionare il modello nell’identica posizione per riprendere il lavoro di stampa nel punto esatto su cui si è intervenuti. A livello di software, questo ha richiesto lo sviluppo di un plug-in per il programma Cad, altro partener del progetto è infatti Autodesk Corp, la casa che produce il programma Cad.

Un modellino di areo Lego in 10 minuti

Ancora non è noto quando il progetto, sostenuto anche dalla National science foundation, diventerà un prodotto per il mercato. Nel frattempo però i ricercatori hanno dato prova della bontà del sistema, creando un modello di aereo per un set della Lego (quello nella foto di apertura). Al primo prototipo realizzato in Cad e sottoposto a stampa sono state aggiunte le ali, è stata modificata la cabina per inserirvi un pilota Lego, con continue rimozioni del modellino per verificare che l’apertura alare si adattasse alla pista. Progetto completato in 10 minuti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here