La camminata di un robot? Meglio se simile a quella degli umani

Dal Georgia Tech arriva Durus, il robot che cammina come una persona. Sviluppato per esoscheletri finalizzati a supportare una ridotta mobilità

I ricercatori americani del Georgia Institute of Technology (Georgia Tech) hanno creato un robot bipede che cammina emulando i movimenti tipici di un essere umano.

In genere la maggior parte della di questa tipologia androidi arrancano curvati in avanti. Durus, questo è il suo nome, è invece capace di affrontare una passeggiata come un umano. Con torace in posizione eretta – a sostegno delle gambe dalla forma allungata – appoggiando un piede sul tallone mentre spinge in avanti l’altro in uno sforzo che assomiglia a quello fatto da una persona.

Così come possiamo vedere in questo video

https://www.youtube.com/watch?v=vc8e3TAF2e0

In prospettiva per sviluppare esoscheletri o strutture robotiche di assistenza

Nel video si apprezza il contatto del tallone con la superficie di appoggio e lo spostamento in avanti della punta dell’altro piede, esattamente come succede con la nostra camminata. Durus “calza” un paio di scarpe numero 46, e come visto nel video si cimenta su un tapis roulant seguito dai ricercatori dell’Advanced Mechanical Bipedal Experimental Robotics (AMBER Lab), laboratorio di riferimento del Georgia Tech.

Il team di ricercatori ha dunque costruito un paio di piedi metallici che si ispirano alla superficie plantare degli esseri umani: arcuata e non piatta. Ma ciò che contraddistingue Durus dalla maggior parte degli androidi sono, appunto, degli algoritmi specifici sui quali i ricercatori hanno lavorato a lungo per perfezionare una camminata senza cadute.

Scenari futuri? I progressi raggiunti rappresentano il punto di partenza per sviluppare una nuova generazione di strutture robotiche di assistenza, sia in campo protesico, sia in quello degli esoscheletri per aiutare persone con mobilità ridotta.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here