Robot pittore per piastrelle d’autore

Artista inatteso o spudorato falsario? La domanda è d’obbligo, visto che dietro i manufatti realizzati da Decorobot si cela la professionalità artigiana e la vena artistica di sapienti pittori e decoratori

Ebbene sì, il robot pittore è diventato realtà. Dopo scimmie, cani ed elefanti, ora anche i robot hanno imparato a dipingere. E a quanto pare o fanno con risultati nettamente superiori a quelli dei colleghi animali. Il protagonista della vicenda si chiama Decorobot ed è una delle ultime novità messe a punto da ABB per la decorazione artistica di piastrelle e ceramiche. A differenza degli amici pelosi, che nelle loro realizzazioni mettono molta improvvisazione, Decorobot è, per così dire, un abilissimo replicatore, capace di imparare i movimenti della mano dell’artista e di ripeterli all’infinito, dando però uno speciale tocco di morbidezza ai tratti da renderli indistinguibili dalle pennellate tipiche della mano artigiana.

Robot pittore Decorobot di ABB

Vedo, imparo, dipingo: sono il robot pittore

Decorobot si avvale di uno speciale metodo di programmazione che si basa sull’acquisizione della traiettoria del pennello senza limiti di geometria spaziale. Un sistema di visione tridimensionale rileva gli spostamenti del pennello nello spazio e, dopo elaborazione software, li traduce in movimenti del robot.

Il robot è in grado di gestire il cambio dei colori e dei pennelli, gestendo il polso per dare al disegno pennellate decise, leggere o sfumate, proprio come un vero artista. Oltre alle piastrelle, Decorobot è in grado di dipingere piatti, vasellame, porcellane, mobili e perfino giocattoli in plastica.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO