Gli italiani sempre più appassionati per la smart home

Il nuovo Osservatorio sulla casa conferma che la domotica sta conoscendo un’ampia diffusione nel nostro paese

Gli italiani credono sempre di più nella smart home, e sono disposti a investire su di essa. E’ quanto emerge dal nuovo Osservatorio sulla casa curato da Leroy Merlin e realizzato dalla Doxa.

Giunto alla terza edizione, il rapporto osserva a 360 gradi preferenze e tendenze degli abitanti, in relazione alle differenze che connotano le diverse regioni d’Italia. Il 72% del campione colloca la casa in cima alle priorità di vita, pensandola come un luogo da rendere sempre più confortevole grazie alle nuove tecnologie che favoriscono l’interazione e con l’ambiente.

L’Osservatorio rivela anche che l’Italia è al secondo posto in Europa, dopo la Germania, per quanto concerne l’utilizzo della robotica in ambiente domestico (tra le prime 10 nel mondo).

domotica

Tecnologia percepita come garanzia di sicurezza

Il 60% del campione ritiene che l’automazione sarà un fattore dello sviluppo della casa del futuro e il 25% conferma di utilizzare soluzioni predisposte ad essere controllate e comandate da remoto. O che addirittura si attivano in autonomia in base alle condizioni ambientali: come, per esempio, le tende da sole che si chiudono se inizia a piovere (conosciute dal 24%).

Tecnologia domotica uguale a sicurezza: il 38% delle famiglie intervistate afferma di voler possedere sistemi di controllo degli ambienti con telecamere. Il 19% dimostra di essere al passo con i tempi dichiarando di desiderare un sistema di operatività delle porte che si attivi attraverso il riconoscimento delle impronte digitali o dell’iride delle persone (popolare anche il comando a distanza con smartphone, apprezzato dal 33% degli intervistati).

Infine i sistemi di illuminazione: le soluzioni automatizzate capaci di “reagire” alla luce esterna e alla presenza di persone negli ambienti sono desiderate dal ben 37% del campione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO