Dalla Svizzera il progetto per l’orologio stampato in 3D

L'ingegnere svizzero Christoph Laimer ha realizzato un prototipo di orologio composto esclusivamente da parti stampate in 3D

Un ingegnere svizzero, Christoph Laimer, ha progettato e configurato un orologio stampato in 3D, rendendolo funzionante. Anche se non è ancora pronto per la commercializzazione (per quanto la configurazione sia a buon punto, siamo ancora in pieno progress creativo). Si tratta del primo prototipo di modello mai realizzato in questo modo, e forse non è casuale che il suo inventore provenga dalla…terra degli orologi per eccellenza!

Le dimensioni non lo rendono competibile per un utilizzo “normale” (per altro ogni 30 minuti è necessario un riassetto).
Ma la prototipazione dimostra come la stampa 3D possa essere utilizzata per la realizzazione di apparati tecnici dalle micro dimensioni, che richiedono un’elevata precisione.

A tale riguardo, nel video che vi presentiamo è possibile ammirare la complessità della fase di assemblaggio delle singole componenti

La base di partenza e’ un tourbillon, vale a dire la meccanica inventata da Abraham-Louis Breguet nel XIX secolo che caratterizza gli orologi a carica manuale o automatica. Come si evince dal filmato, per la sua stabilità è necessario  necessario l’impiego di perni e viti oggi non ancora realizzabili con la stampa in 3D.

Per ora siamo dunque nella sola fase di prototipazione/brevetto, ma la sfida tecnologica di Laimer prosegue. Per altro l’ingegnere svizzero si è reso disponibile a condividere in modo gratuito i file per la stampa: un invito per coloro che volessero contribuire con le proprie competenze all’evoluzione del progetto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here