CellRobot: modulare, componibile e divertente

Dietro a quello che, in apparenza, sembra un giocattolo, si cela una delle discipline più complesse dell'automazione: la robotica modulare. L'idea di un gruppo di ragazzi cinesi al CES di Las Vegas

CellRobot è il primo robot modulare al mondo che, progettato per scopi sia educativi che di intrattenimento, grazie a caratteristiche di flessibilità e componibilità pressoché uniche può considerarsi una novità assoluta nel panorama dei piccoli robot.

Nato dalla creatività di un team di studenti cinesi, il robottino si basa, come il nome stesso suggerisce, su un principio del tutto simile a quello delle costruzioni Lego: solamente che, in questo, caso, le unità di base non sono i mattoncini, bensì le celle che, assemblate in configurazione libera, consentono di dare ampio sfogo alla fantasia del progettista creando centinaia, se non addirittura migliaia di robot dalla forma unica.

CellRobot può apparire un giocattolo, e forse in questa fase di sviluppo lo è veramente, ma non si dimentichi che la robotica modulare è una delle aree più complesse che caratterizzano la disciplina degli automi, con punte di eccellenza presso il MIT e la Carnagie Mellon University.

cellrobot

Siamo appena agli esordi, parola di CellRobot

L’elemento base del sistema, come detto, è la cella, che funge da muscolo e, al tempo stesso, da elemento di connessione intelligente. Ciascuna cella contiene un azionamento elettrico, un sensore e una MCU (cioè un microprocessore). Una volta collegato a Heart, il modulo principale che costituisce il cuore del sistema, la cella prende vita e viene comandata in maniera coordinata insieme alle altre.

Il robot è comandabile attraverso una app per smartphone, dotata di interfaccia 3D. Anche se il prezzo non è certamente conveniente – una configurazione entry level costa alcune centinaia di dollari – siamo sicuri che CellRobot sarà destinato a fare strada, attirando l’attenzione di aziende e venture capitalist.

Nella roadmap del progetto vi sono ancora numerosi step di sviluppo che attendono di essere completati, in quanto CellRobot, nelle intenzioni dei suoi creatori, ha ambizioni applicative ben più importanti dell’edutainment.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here