Anche l’impianto di irrigazione diventa smart

Zilker è un dispositivo che rendere intelligente l’impianto di irrigazione domestico, regolando l’erogazione dell’acqua sulla base dei dati meteo rilevati in tempo reale. Si collega al rubinetto e al tubo dell’impianto e si gestisce tramite smartphone

Se le case sono sempre più intelligenti, perché non possono diventarlo anche i giardini? Provocazione a parte, è proprio ai giardini che guarda il progetto Zilker, un dispositivo studiato per gestire in modo smart gli impianti di irrigazione domestica.

In pratica si tratta di una valvola che consente di personalizzare i programmi di irrigazione, fornendo la quantità di acqua necessaria sulla base delle condizioni meteo: così in una giornata calda, il sistema erogherà più acqua, mente in un giorno di pioggia ne fornirà meno, o per niente.

Zilker 2

Il dispositivo è molto semplice da installare: basta collegare un’estremità a un rubinetto esterno e l’altra al tubo flessibile che porta agli augelli dell’impianto e il gioco è fatto. Ciò lo rende particolarmente indicato anche per installazioni in impianti esistenti in quanto non richiede nessun intervento su di questi e nessuna installazione sotterranea. Un unico Bridge, inoltre, può supportare almeno fino a otto Zirkler.

Si gestisce da smartphone

Di piccole dimensioni, Zilker è un concentrato di tecnologie. Il sistema, oltre alla valvola è costituito dallo Zilker bridge che gli consente di connettersi a internet per consultare i dati meteo della zona. In questa modo il sistema può regolare il flusso da erogare sulla base di parametri quali temperatura, umidità e velocità del vento, tutte variabili che vanno a influenzare la quantità di acqua di cui le piante hanno bisogno.

Zilker 1
I due componenti del sistema: a sinistra, la valvola Zilker, a destra il Bridge

Il sistema viene gestito tramite smatphone, attraverso un’app (inizialmente disponibile solo per dispositivi iOS) che permette di programmare i cicli di irrigazione. Zirkler ha anche altre funzionalità smart, come il rilevamento di eventuali perdite nell’impianto. Il dispositivo è alimentato da due normali batterie AA, che servono solo a fornire l’energia necessaria per invertire gli stati che regolano l’apertura e la chiusura della valvola, pertanto la loro durata è di circa un anno, e può essere collegato a qualsiasi tipologia di rubinetto, così come a valle può essere abbinato a ogni tipologia di erogatore.

Al momento AustinDevices, la start up americana che ha sviluppato il dispositivo, sta concludendo la fase di crowdfunding sulla piattaforma Kickstarter, per reperire i fondi necessari a completare la app e l’ingegneria elettrica del sistema, con l’obiettivo di portare Zirkler sul mercato entro l’estate del prossimo anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here